Welfare e salute

 

Cittadini, sicurezza, salute e lavoro

 

Welfare e salute

 

Cittadini, sicurezza, salute e lavoro

 

Il diritto (alla salute) scambiato col rovescio della medaglia del rigore amministrativo

da

Se ti ammali o sei fragile, la salute e il benessere non è uguale per tutti, ma dipende da dove vivi. Allora mi chiedo: se il “prestazionismo” diventasse la strada risolutiva? Un fondo unico nazionale da ripartire alle regioni secondo le prestazioni che il cittadino residente nella propria Regione riceve (ovunque vengano erogate) in un regime che resta di libertà di cura

Più volte ho sostenuto che il prestazionismo, cioè l’idea per cui il cittadino si aspetta dallo Stato singole prestazioni a soddisfazione dei propri bisogni e per cui lo Stato eroga bonus, assegni le risposte parcellizzate anziché interventi sistematici, globali e non a compartimenti stagni, fosse la strada sbagliata per occuparsi dei cittadini, in particolare di quelli fragili. Quasi una strada diseducativa, oltre che inappropriata nel prendere in carico i problemi della gente.

Il dibattito sul regionalismo differenziato/federalismo induce però a rileggere la logica della prestazione come una soluzione.

È noto che il riparto del fondo sanitario nazionale tiene conto di più dimensioni e parametri, tanto è che la Puglia ha gli stessi abitanti dell’Emilia Romagna, ma somme a disposizione enormemente più basse per i cittadini amministrati, che diventano ancora più basse se aggiungiamo che la ricchezza di un territorio (e quindi di tasse e imposte che quel territorio produce) rende più o meno ricco il sistema di governo locale che deve erogare i servizi. Fino a qui nulla di nuovo sotto il sole e la necessaria conclusione ovvia che se ti ammali o sei fragile, la salute e il benessere non è uguale per tutti, ma dipende da dove vivi (e anche da dove sei nato, per il “retroterra” che ti porti appresso che incide sulla tua speranza di vita).

Intonava Domenico Modugno e molte volte intona il Maestro Al Bano Carrisi la musica e le parole di quell’amara terra mia che vivono tutti coloro che vivono in condizioni di svantaggio, correndo la corsa ai 100 metri, partendo però 50 metri dietro la linea di partenza.

Da ingenuo pensatore mi domando: ma se il Paese è uno e la torta da ripartire è a disposizione di tutti, in nome della nostra bellissima, elogiata e incontestata Costituzione che recita a più riprese l’uguaglianza dei cittadini dinanzi alla legge, al bisogno di assistenza sociale e sanitaria, al diritto di curarsi e alla libertà di cura, perché nonostante i livelli essenziali delle prestazioni sanitarie e sociali dinanzi ai quali siamo tutti uguali, siamo invece molto diversi?

E perché se la libertà di cura mi consente di scegliermi l’ospedale in cui curarmi, la mia emigrazione diventa alla lunga la condanna dei miei figli che vedranno impoverito il territorio di partenza dell’emigrazione sanitaria a vantaggio delle strutture di eccellenza che si arricchiscono e lasciano sempre più indietro dalla linea di partenza che era già 50 metri dietro?

La risposta non necessita di essere esplicitata ed è tutta nel solco della certificazione di morte del principio di uguaglianza, che tutti indigna, nessuno smuove e neanche ingegna. La soluzione all’ingenuo pensatore appare però semplice e lineare e balena facilmente alla mente: e se il “prestazionismo” diventasse la strada risolutiva?

Fondo unico nazionale da ripartire alle regioni secondo le prestazioni che il cittadino residente nella propria Regione riceve (ovunque vengano erogate) in un regime che resta di libertà di cura. Se il paziente “emigra” in una struttura fuori Regione per farsi curare, la prestazione è scontata per la Regione di provenienza in considerazione dei costi della migrazione a carico della famiglia (viaggio,costi degli accompagnatori, disagio delle famiglie, mancati introiti alle strutture del territorio che avranno meno risorse per investire ed eccellere, ecc.).
Una banale proposta basata sulla legge del commercio per cui chi ti manda i pazienti (la Regione di provenienza) merita almeno una provvigione, una royalty sociale, non addirittura una penalizzazione. Son cosciente del tono provocatorio del testo, ma non lo è ugualmente per le nostre coscienze ed intelligenze l’ipocrisia di chi si dichiara attento alla solidarietà sociale (nessuno mai nel dibattito pubblico l’ha mai negata) e poi fa finta di non comprendere che sistemi sanitari più o meno dotati di risorse e infrastrutture, significano negare l’uguaglianza non tra enti pubblici, ma tra uomini e donne nati con gli stessi diritti?

La ricchezza di un essere umano può differenziarsi in base al merito e alle capacità, ma senza lasciare nessuno mai senza il minimo vitale, ma sulla salute non può fare la differenza, né la ricchezza individuale, né quella collettiva che produce il governo del proprio territorio, altrimenti non siamo federalisti ma cannibali sociali. Pensieri stonati, dell’ingenuo pensatore dell’amara terra al limite dell’esasperazione, anche se il vero amaro è quello lasciato in bocca dalla carne sbranata dai cannibali 2.0 ribattezzati federalisti.

Foto in evidenza di fernando zhiminaicela da Pixabay

Articoli correlati

A chi appartiene il bene salute?

A chi appartiene il bene salute?

Basterebbe un tratto di penna del legislatore per affermare il principio che l’attività sanitaria privata può realizzarsi a condizione che consenta a richiesta dell’azienda sanitaria il soddisfacimento preventivo di un numero di prestazioni “x” a prezzo prestabilito...

Le ipocrisie italiane sulla scuola, sulle carceri e sulla sanità

Le ipocrisie italiane sulla scuola, sulle carceri e sulla sanità

Ma i decisori pubblici sono colpevoli, superficiali o fanno finta di non conoscere la realtà? Scuola, il 12 settembre è squillata la campanella: cori di auguri e in bocca al lupo ai nostri ragazzi, al personale docente e anche a noi genitori che affidiamo i nostri...

Gianluca Budano

Welfare manager pubblico, esperto in materia di politiche socio-sanitarie, ha diretto numerose amministrazioni pubbliche, anche in funzione di sovraordinato del Ministero dell’Interno in Comuni sciolti per infiltrazioni mafiose. Co-Portavoce nazionale di Investing in Children – Alleanza per l’inclusione e il benessere dei minori in Italia, già Consigliere di Presidenza Nazionale ACLI, Consigliere di Amministrazione di Terzjus – Osservatorio Nazionale di diritto del Terzo Settore, della filantropia e dell’impresa sociale, componente del Direttivo Nazionale del Forum delle Associazioni Familiari, dirigente di Avviso Pubblico – Associazione di Enti Locali e Regioni contro le mafie.